Rischio positivo in quanto il bicchiere sembra mezzo pieno

Grafico del giorno – GBP/AUD
Tendiamo ad essere un po’ cauti nel chiamare la sterlina a lungo contro qualsiasi cosa in questo momento, ma il miglioramento su Sterling/Aussie può avere tanto a che fare con un Aussie scorrevole quanto con un rimbalzo sterlina. Le ultime sessioni hanno registrato una serie di chiusure positive e quattro candele per tori di fila sono state viste per la prima volta dopo la forte corsa dei tori del primo trimestre. Il recupero decisivo dal 1,7865 sta prendendo piede? Una mossa al di sopra di 1,8090 può essere stata solo una lieve frattura del toro più alto, ma è stata una linea di perno spezzata e suggerisce che i vecchi minimi che sono stati per così tanto tempo una base di resistenza, possono essere spezzati. Un piccolo obiettivo al rialzo è implicito all’inizio a 1,8315, ma gli indicatori tecnici stanno ora decisamente diventando positivi. La media mobile a 21 giorni è stata un’eccellente base di resistenza e ha affiancato una tendenza al ribasso di nove settimane, ma il rimbalzo ha ora superato entrambi. C’è una ripresa decisiva in corso su MACD e Stocastico, mentre venerdì la RSI giornaliera si è spostata verso i 50, a un massimo di tre mesi. La reazione allo slittamento di questa mattina sarà interessante. Tenere la scollatura 1.8090 come base di appoggio è importante nei prossimi giorni, e 1.8055/1.8090 è un termine quasi “buy zone”. Se questa zona tiene, allora i tori cominceranno ad osservare un movimento per testare la resistenza chiave di giugno a 1,8450.

Brent Petrolio Grezzo
Visto come il prezzo del petrolio ha visto un discreto rimbalzo del prezzo del petrolio durante la sessione statunitense di venerdì, la risposta dei tori oggi sarà molto interessante. Dopo aver superato il supporto di otto settimane di rialzo, le prospettive positive per il petrolio sono state messe in discussione. Venerdì abbiamo discusso che se i tori fossero stati in grado di trovare un supporto tra i 41/42 dollari, allora ci sarebbero stati pochi seri danni alle prospettive (visto che in realtà è stato solo un giorno di vendita). La candela “bull hammer” di venerdì ha fatto oscillare il mercato per un rimbalzo istantaneo, lasciando il supporto a 41,30 dollari e ritorno a distanza toccante dalla resistenza chiave di 43,95 dollari. Nonostante questo, un lento inizio di trading il lunedì mattina, i tori sono ancora la forza dominante nel mercato del petrolio. La domanda è se possono chiudere oltre la resistenza di 43,95 dollari e poi chiudere il gap chiave di marzo a 45,20 dollari. Sarebbe un sollievo significativo se potessero e aprissero ancora una volta il lato positivo. Il supporto a 41,30 dollari è ora di crescente importanza al di sopra della chiave più bassa a 39,50 dollari.

Media industriale Dow Jones
Il Dow ha completato una settimana di difficoltà con un discreto rimbalzo venerdì. Tuttavia, dopo aver visto una corsa di sei candele contraddittorie di fila, la direzione è molto eterogenea. Il mercato continua a commerciare sotto la resistenza dei 26.300/26.610 massimi delle ultime quattro settimane, ma la pressione di vendita sembra ancora limitata. Reagire per lasciare il supporto a 25.525 significa che i tori entrano in questa settimana con progetti per testare seriamente la resistenza 26.300/26.610. C’è ancora una tendenza positiva alla configurazione a medio termine della quantità di moto (linee MACD costantemente al di sopra del neutro per dieci settimane) che suggerisce che la debolezza a breve termine è ancora una possibilità di acquisto. Nonostante ciò, un rettangolo di consolidamento di quattro settimane mostra pochi segni di fine. I futures stanno aumentando questa mattina e questo darà un po’ di incoraggiamento già oggi. Tuttavia, anche se 26.610 sono rotti, allora il compito più grande di colmare il divario a 26.940 è ancora davanti a noi.